Della vita con il personal trainer e bodybuilder Petr Sedláček

“Ho 33 anni e so già che conquistare il mio corpo non è facile. Ho sempre voluto essere più grande, più forte e più veloce degli altri, ma ho fatto questo passo solo quando sembravo un’anoressica. La storia è per tutti gli individui geneticamente non dotati come me. Non rinunciate mai ai vostri sogni, anche se qualcuno vi dice che non potete farlo o che non potete fare qualcosa”

Dice di sé l’allenatore di fitness e bodybuilder Petr Sedlacek. Ha iniziato ad allenarsi a vent’anni. Fin da giovane è stato esposto all’estetica del bodybuilding e il suo percorso di vita lo ha seguito naturalmente. La sua motivazione principale era

“Muscoli. Quante volte li ho visti nei film da quando ero bambino. Quanto ho ammirato Arnold e Sylvester Stallone. Come avrei voluto essere come loro… Fin da piccolo volevo essere forte come loro. Ma non è questo che mi farà guardare Rambo, Rocky e Terminator. Purtroppo l’ho scoperto solo a 23 anni, quando pesavo 68 kg per un metro e ottanta. Tutte le ossa e la pelle. I muscoli erano fuori discussione. Quante volte sono stata ridicolizzata dai miei compagni di classe e dai colleghi di lavoro. È questo che mi ha spinto a fare qualcosa per me stesso”

E ora devo alzarmi dal divano e costringermi a fare la mia prima sessione di allenamento. Non sappiamo bene cosa dovremmo fare in palestra, forse siamo anche un po’ timidi. La battuta è che nessuno inizia a tirare i manubri perfettamente come Arnold la prima volta, o a fare 500 ripetizioni di addominali rumeni. Peter dice che è perfettamente normale sentirsi come lui all’inizio:

culturista

“All’inizio del 2012 ho stretto i denti e ho deciso di chiedere aiuto a un collega di lavoro. Ho preparato le mie cose in quel momento: pantaloni spessi, maglietta corta e sulle gambe pantaloni da tuta. Il mio collega di lavoro si allenava da qualche anno, quindi speravo che andasse bene. Non sapevo nulla di dieta e di esercizio fisico. Avevo già fatto qualche visita in palestra, ma lì mi limitavo a guardare con ammirazione i ragazzi più forti che sollevavano su panca quello che per me all’epoca era un incredibile 50 kg. Ma il non fare nulla in palestra era finito. Avevo un aspetto terribile e volevo fare qualcosa. E l’ho fatto. Ricordo ancora come mi sono buttata a capofitto nel mio primo allenamento con un collega, “affogando” sotto una panca da 30 kg, facendo squat con 25 kg e “oscillando e ruotando” 2 spallacci sul trapezio. Poverino. Il giorno dopo ero distrutta come sempre, ma questo mi dava energia, perché mi dicevo che era così giusto e che sicuramente stavo facendo tutto bene…

Il tempo stava per scadere. Mezzo anno è passato come l’acqua e io ero molto felice. Ho preso 5 kg e ho sollevato 40 kg sulla panca. Ma poi è successo qualcosa che non avevo previsto. Stagnazione. All’epoca non sapevo cosa fosse, ed è per questo che volevo abbandonare la palestra. Tuttavia, prima di decidere di abbandonare la palestra, mi sono imbattuto in alcuni interessanti

articoli e consigli. Ho letto tutti gli articoli sulla dieta, l’integrazione, l’allenamento e mi sono rimproverata per non aver cercato prima. In realtà mi allenavo con la visione di un fisico da culturista e mangiavo come una ragazzina. Ho anche scoperto di essere un maledetto ectomorfo, anche se da tempo mi dicevo mesomorfo, e in più il mio medico mi ha diagnosticato un metabolismo 3x accelerato. Ho scoperto solo ora quanto sia importante mangiare e dormire bene. Prima non ne avevo idea. Ho iniziato a comprare riso, cereali e carne di buona qualità invece di dolci e patatine, così ho iniziato a vivere in modo sano. Ho messo su 75 chili. Solo ora ho cominciato a capire quanto grande fosse questo passo. Non si tratta tanto delle prestazioni di forza, che sono migliorate di 30 o addirittura 40 chili con squat e panca. Mi sono resa conto che nonostante tutte le difficoltà ho superato me stessa, ho rafforzato la mia debolissima volontà e ho perseverato nel lavorare sodo” peter spiega

gara di bodybuilding
fonte

Tutto questo lo ha aiutato a raggiungere l’obiettivo desiderato. Ha iniziato a praticare il bodybuilding a livello professionale. Per i suoi sforzi ha ricevuto una serie di importanti riconoscimenti, tra cui una medaglia d’argento nella categoria Muscular physique alla 4° International Diamond Cup Praga 2022, il 2° posto c Muscular physique al 43° Grand Prix PEPA Opava 2021 e il 5° posto alla WORLD CUP ROMANIA 2018. Si istruisce costantemente e lavora per progredire:

“No, il mio viaggio è tutt’altro che finito. Il mio fisico è ancora misero, ma vedo qualcosa di più. Perché l’esercizio fisico mi ha dato molto. Uno stile di vita migliore, la fine delle sedute nei pub ogni giorno e, ultimo ma non meno importante, l’orgoglio e la fiducia in me stesso”

La forma fisica e uno stile di vita sano vanno di pari passo con lo stato mentale, la forza di volontà e la fiducia in noi stessi. L’umore positivo e la visione della vita di Peter sono tipici. Ecco perché incoraggia

“Vorrei anche dire che molte persone hanno riso di me, mi hanno detto: ‘Un biscotto del genere ti rende più forte? Non potrai mai essere grande!” Ma non l’ho presa sul serio. Ma tutti devono iniziare in qualche modo. E lo faccio per me stesso, per il mio bene. Quindi non lasciatevi mai scoraggiare dal fare ciò che vi piace e continuate sempre a muovervi verso il vostro obiettivo”

Infine, abbiamo organizzato una breve intervista sulla vita quotidiana di Peter e gli abbiamo chiesto alcuni consigli sul recupero e sull’uso delle pistole da massaggio.

Quale ritiene sia il suo più grande risultato?

“È una domanda difficile. Preferisco gioire delle cose più piccole, in modo da avere più gioie. Sono felice quando aiuto qualcuno con la sua dieta e il suo piano di allenamento e il cliente ottiene buoni risultati e ne trae piacere. Sono felice che ci siano persone che leggono i miei post su Instagram. Mi rende felice quando riesco in quello che cerco di fare… ma non riesco a dire quale sia il mio più grande risultato, qualunque cosa faccia… non credo di poter percepire nulla del genere”

Come si svolge la sua giornata tipo?

“È una bella domanda, ma allo stesso tempo è molto facile rispondere. Al mattino, se mia moglie non ce la fa, porto mia figlia all’asilo, poi mi trasferisco al centro fitness dove sto con i clienti fino al pomeriggio. Poi arriva l’allenamento. Fare la spesa, cucinare per il giorno dopo, divertirsi con mia figlia facendole il bagno, cenare insieme e andare a letto”

Consiglia di utilizzare una pistola per massaggi prima/dopo l’allenamento e perché?

“Decisamente sì. Questa nuova tendenza, e per me una grande tendenza, aiuta a migliorare la contrazione muscolare, che tutti gli atleti apprezzano per nome, e gli atleti di fitness non fanno eccezione

Massaggiando i muscoli, si rafforzano le fibre muscolari e i tessuti fasciali. Allo stesso tempo, i muscoli si rilassano e la tensione stessa viene alleviata. Grazie a ciò, è possibile aumentare le prestazioni atletiche, utilizzare la pistola per massaggi per riscaldare e preparare i muscoli all’allenamento stesso e prevenire così gli infortuni. Lo stesso vale dopo l’esercizio fisico: per alleviare l’affaticamento e il dolore muscolare, è bene massaggiare il corpo o meglio la zona interessata dall’esercizio con la pistola per massaggi.”

Quali sono per lei i principali vantaggi dell’utilizzo di una pistola per massaggi?

Per me, i benefici principali dell’arma del massaggio sono probabilmente tre: alleviamento del dolore, prevenzione degli infortuni e aumento delle prestazioni atletiche, attivazione del sistema nervoso”

Avete altri consigli su come recuperare dopo un allenamento intenso?

“Oggi la rigenerazione in acqua fredda (indurimento) è molto di moda. Nel mondo del fitness, ma anche in altri ambiti, la base è soprattutto il sonno, molto trascurato, ma uno degli aspetti più importanti per la rigenerazione di tutto il corpo.”

Autor: Store MISURA

Stories

...
Monitors

Cosa sono Gsync, HDR, Power Delivery o i parametri del monitor desktop MISURA?

I monitor desktop MISURA sono progettati per i professionisti dell'editing grafico e video e per i giocatori accaniti. Ma possono…

...
Monitors

Come collegare due monitor a un computer portatile

Al giorno d'oggi, la maggior parte di noi si trova di fronte a richieste sempre maggiori di multitasking. Ciò significa…

...
Monitors

Come scegliere il monitor portatile giusto?

Oggi il mercato dei monitor portatili è ricco di un'ampia gamma di offerte. Prima di procedere all'acquisto, è consigliabile riflettere…

...
Monitors

Come orientarsi tra i monitor MISURA e come scegliere il monitor giusto per l’ufficio o la casa?

Negli ultimi anni, MISURA ha introdotto per i suoi clienti monitor doppi e singoli. MISURA ha così risposto alla mancanza…